A parità di prodotto, la durata di un pneumatico è influenzata da diversi fattori.

Come viene utilizzato e il suo stato di conservazione una volta montato sull’auto o sulla moto.

Stile di guida e utilizzo
Lo stile di guida e la tipologia di veicolo sul quale è stato montato il pneumatico determinano sicuramente la parte più importante della durata.

Le condizioni di utilizzo quali: carichi, velocità, pressioni di gonfiaggio, tipologia e condizioni delle strade, urti dovuti a buche/marciapiedi, esposizione ad agenti atmosferici (sole, acqua, ecc.) sono anch’essi i principali fattori che possono incidere sulla vita del pneumatico.

Queste sono indicazioni circa il corretto stoccaggio dei pneumatici smontati dall’auto. L’esempio più classico è lo stoccaggio dei pneumatici invernali durante la stagione estiva.

Tutto dipende da come vengono mantenuti i pneumatici sull’auto
L’altro fattore determinante alla durata complessiva, sono le condizioni in cui il pneumatico viene sottoposto mentre è montato.

La temperatura, l’umidità, le fonti di calore, la luce e i raggi ultravioletti, sono tutti agenti esterni che contribuiscono in maniera molto importante.

Ad esempio se si vive al mare e si lascia l’auto fuori dal box tutto l’anno, i pneumatici saranno sottoposti a innumerevoli stress come ad esempio il sole battente e l’aria che contiene un alto tasso di salinità.

Tutti questi fattori descritti non possono essere preventivati e pertanto non è possibile, a pneumatico nuovo, dire con certezza quanto questo durerà e quali saranno i decadimenti di prestazioni.

Verificare la fonte di approvvigionamento
La cosa più importante da fare quindi non è guardare la data di fabbricazione ma accertarsi che il pneumatico, prima di essere stato venduto, sia stato immagazzinato secondo gli standard previsti dai produttori.

Sarebbe una grande ingenuità pensare che un pneumatico prodotto pochi mesi prima, ma magari lasciato in un piazzale sotto il sole per settimane, sia migliore di un pneumatico prodotto due anni prima ma stoccato in ambienti con temperature controllate, assenza di umidità e assenza di luce diretta.

Esempio di corretto stoccaggio presso una delle logistiche in Germania di Trovagomme.it
Assenza da fonti di calore, temperatura e umidità controllate e assenza di luce diretta del sole e raggi UV.

Quando davvero vanno cambiati
Infine una ricerca condotta ha evidenziato che è consigliabile sostituire i pneumatici al massimo dopo sette anni di percorrenza su strada anche se le condizioni del battistrada sembrano buone. Attenzione: sette anni montati e non sette anni dalla loro produzione.